Navigazione su internet senza censura nella Free Trade Zone che il governo centrale e quello di Shanghai stanno per realizzare in una zona della capitale economica cinese. 
E' quello che scrive oggi il South China Morning Post, secondo il quale nella nuova zona creata per favorire economia e scambi con l'estero, si potra' navigare senza problemi sui siti normalmente censurati in Cina come Facebook, Youtube e Twitter. Non c'e' niente di ufficiale, ma secondo il quotidiano di Hong Kong, la decisione sarebbe nata per due ragioni: da un lato quella di favorire l'ingresso nella area di libero scambio anche di operatori stranieri di telecomunicazioni e la seconda per agevolare la vita e il lavoro dei molti stranieri che si spera affollino la zona.
 
Non ci sono per ora molti dettagli sull'iniziativa. Si sa solo che l'area dovrebbe essere inaugurata il prossimo 29 settembre (anche se non si esclude un rinvio). E' un progetto fortemente voluto dal premier Li Keqiang e dovrebbe fare concorrenza a Hong Kong. La Free Trade Zone di Pudong, l'area nuova di Shanghai con i grattacieli dove sorge anche il maggiore aeroporto (e dove sorgera' nel 2015 una Disneyland), dovrebbe diventare banco di prova anche per lo Yuan, per gli investimenti stranieri, per liberalizzare il sistema cinese.



ADUC

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo