• Pampas, Valdes Peninsula - Argentina

    photo by Cinthia Del Rio
    Read More
  • Caffè brasiliano

    photo by Scott Umstattd
    Read More
  • Grotta in Brasile

    photo by Ademir Alves
    Read More
  • Curvas do Parque Nacional de Anavilhanas

    Rio delle Amazzoni, Brasile
    Read More
  • Rio de Janeiro, Brazil

    photo by Agustin Diaz
    Read More
  • Machu Picchu, Perù

    photo by Scott Umstattd
    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
La Fiat non modifica i propri piani di investimento previsti per il 2010, anno in cui prevede di investire 700 milioni di euro su un totale di 2 miliardi di euro che sono stati destinati al Brasile dal 2008. Così è stato affermato nel corso di questa settimana dal presidente della Fiat Brasile, Cledorvino Belini.

La previsione dell’impresa italiana, che nel 2009 ha lanciato 15 autoveicoli, è che il mercato brasiliano nel 2010 crescerà per lo meno del 5% per 3,15 milioni di vendite di automobili e mezzi commerciali leggeri. Il presidente ha evitato ogni tipo di commento riguardo all’ipotesi di costruzione di un nuovo stabilimento produttivo in Brasile, dal momento che quello attualmente in funzione sta operando al 100% della sua capacità produttiva, equivalente a 800 mila veicoli l’anno.

Ha affermato, però, che ampliare gli impianti a Cordoba, in Argentina, è una delle opzioni in esame per il mercato dell’America Latina. Belini ha parlato con la stampa alcuni giorni dopo l’annuncio della Volkswagen di voler investire in Brasile quasi 2,5 miliardi di euro entro il 2014 e del piano di potenziamento della Ford di oltre 1,5 miliardi di euro dal 2011 al 2014. Leader di mercato, la Fiat chiuderà il 2009 in attivo, ma con forti probabilità di riduzione dei margini di profitto a causa dell’aumento della competitività nel paese, ha sottolineato Belini. Quest’ultimo, però, non ha specificato se ci si aspetti un aumento o una diminuzione dei profitti in relazione a quelli ottenuti nel 2008 (circa 700 milioni di euro, un aumento del 10,5% rispetto al 2007).

 

Fonte: www.ice.it - by Roberto Rais

OUR SPONSORS

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo