• Machu Picchu, Perù

    photo by Scott Umstattd
    Read More
  • Pampas, Valdes Peninsula - Argentina

    photo by Cinthia Del Rio
    Read More
  • Grotta in Brasile

    photo by Ademir Alves
    Read More
  • Curvas do Parque Nacional de Anavilhanas

    Rio delle Amazzoni, Brasile
    Read More
  • Rio de Janeiro, Brazil

    photo by Agustin Diaz
    Read More
  • Caffè brasiliano

    photo by Scott Umstattd
    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

L’economia brasiliana riprenderà gradualmente il suo percorso di crescita. Questo quanto recentemente affermato dal Ministro Brasiliano delle Finanze, Guido Mantega, secondo il quale il Paese sudamericano sperimenterà una crescita pari al 2.3% entro la fine del 2014 e pari al 3% nel 2015.

Il Brasile, la cui economia ha iniziato a crescere in maniera sostenuta a partire dal 2000, culminando tale percorso nel 2010 con il 7.5%, ha subito una fase di decelerazione negli ultimi anni, scendendo al 2.7% nel 2011, allo 0.9% nel 2012, e facendo registrare solo lo 0.3% nell’ultimo trimestre del 2013.

In base a quanto riportato da Mantega, il mutamento dello scenario internazionale e la ripresa dell’economia globale, che si verificheranno a partire dal 2015, avranno ripercussioni molto positive anche sul Brasile, che potrà tornare sui precedenti livelli di crescita.

Lo stesso Ministro delle Finanze ha inoltre voluto obiettare la tesi esposta da diversi analisti internazionali, secondo cui le economie dei Paesi emergenti, a causa delle loro intrinseche fragilità, sarebbero addirittura prossime alla fine. Al contrario, per Mantega le economie emergenti continueranno ad essere tra le più dinamiche al mondo e a sperimentare forti tassi di sviluppo: il Brasile rimane infatti una delle principali mete in relazione agli Investimenti Diretti Esteri, dal momento che dal 2011 il Paese è riuscito ad attrarre annualmente circa 60.000 milioni di USD e il Ministro ha garantito che tale cifra si attesterà attorno allo stesso livello anche negli anni a venire.

Brasilia inoltre auspica che i Mondiali di calcio, il cui inizio è previsto per il prossimo 12 giugno, possano contribuire in maniera decisiva ad una rinnovata crescita dell’economia; il Governo, nonostante le feroci polemiche e i disordini verificatisi tra la popolazione, ha puntato parecchio sull’evento realizzando ingenti investimenti soprattutto in termini di infrastrutture, considerati necessari da Dilma Rousseff per lo sviluppo e il consolidamento dell’economia locale.

Octagona

OUR SPONSORS

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo